Pubblichiamo oggi un contributo del nostro Vito Prudente.

Il passaggio dal capitalismo classico di fine anni 70 a quello neoliberista dei primi anni 80 segna l’inizio progressivo ma profondo dell’attacco ai diritti fondamentali e democratici dei lavoratori e delle lavoratrici. Detto passaggio, incoraggiato storicamente e culturalmente dalle destre politiche ed economiche, fu ed è stato possibile anche in virtù dell’allineamento-cedimento delle socialdemocrazie europee e di quella italica alla globalizzazione neoliberista, ispirata e orientata dalla finanza delle grandi banche e dalle multinazionali.

Continua sul documento che è possibile scaricare da qui.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...