Dierre di Villanova d’Asti, nelle fabbriche piemontesi stamattina sono stati organizzati scioperi spontanei contro “le fabbriche aperte” frutto dell’accordo tra la giunta regionale e le associazioni di categoria raggiunto ieri prima che il premier Conte desse il via libera. Sono almeno una decina le aziende in tutta la regione nelle quali i lavoratori hanno deciso l’astensione volontaria per protestare contro la mancanza di regole minime di sicurezza. “Come possiamo mantenere la distanza di un metro quando abbiamo le  macchine operatrici attaccate?”. E poi: “E negli spogliatoi? Gli armadietti sono uno vicino all’altro”. O ancora: “Ai distributori di bevande è la stessa cosa, in fabbrica non c’è proprio modo di rispettare le regole di sicurezza invocate dal premier”.

121439475-4002c3e8-fc17-47e2-b178-5c23c1db6456[1]

Continua su Repubblica.it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...