PMT la Stampa

La crisi della PMT (ex Beloit), con la possibile liquidazione dello stabilimento, ha un primo, forte significato: la perdita di posti di lavoro e il ricollocamento di decine di operai e impiegati in quell’esercito di riserva da cui i padroni del mondo attingeranno per cercare nuovi dipendenti. Ovviamente in condizioni di crescente precarizzazione salariale e occupazionale. Come dire: vi assumo ma state in campana, perché posso liquidare voi e l’intera fabbrica come e quando voglio. Ma la crisi della PMT, e quella dell’intero settore industriale nel nostro territorio, dice altre cose. Innanzi tutto che la “libertà di impresa” significa una cosa sola: libertà per i proprietari e manager (se si dà un’occhiata ai loro stipendi e alle liquidazioni milionarie si capisce che la crisi non è per tutti…) di fare quel che si vuole, cioè di assumere, licenziare, spostare stabilimenti, minacciare liquidazioni.

Questo sta accadendo alla PMT come all’ILVA, è successo in FIAT e nel tessile del pinerolese. L’assenza di controllo politico, di programmazione e direzione, la sudditanza culturale, l’indebolimento del sindacato,hanno favorito questi processi. Il rimando tra cause ed effetti è complesso. Sono di origine politica le leggi che hanno favorito l’ondata e la riscossa neoliberista. Sono (anche) sindacali i timori di non disturbare troppo il padronato con richieste eccessive. Provengono anche dal corpo sociale le tristi acclamazioni del riccone di turno. Ogni segnale in controtendenza deve essere salutato con favore e speranza.

Nel numero “zero bis” del nostro foglio settimanale, “Qualcosa di Sinistra”, ci sono le nostre conclusioni. E’ possibile scaricarlo facendo click qui.

Immagine da La Stampa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...